Post in evidenza

Festival della Letteratura di Viaggio 2013

Questa mattina, presso l'auditorium del Palazzo delle Esposizioni di Roma, si è svolta la conferenza stampa di presentazione della sesta edizione del Festival della Letteratura di Viaggio.
Raggiungendo il Palazzo delle Esposizioni a bordo dell'autobus 175, in una giornata d'estate settembrina, dalla luce tersa, cielo azzurro, alcuni ragazzi dell'est seduti sui loro valigioni, all'apparire del Colosseo cominciano ad esclamare la propria gioia, mentre viso e sorriso si illuminano d'immenso, dimostrazione che Roma ha un fascino intramontabile; eppure, come è stato sottolineato da alcuni interventi, questo evento, nato nel 2008 ormai una certezza capitolina, è una di quelle iniziative di cui tanto avrebbe bisogno il nostro paese per rilanciare un'offerta turistica, spesso, data troppo per scontata per non subire le flessioni dovute alla concorrenza mondiale.


Al tavolo degli interventi, gli inossidabili Franco Salvatori (ex presidente della Società Geografica al quale si deve l'incipit dell'avventura), Antonio Politano (instancabile curatore del programma del Festival), Simone Bozzato (Segretario generale della Società Geografica); accanto, i rappresentanti dei due paesi ospiti d’onore di questa edizione, Brasile e Stati Uniti, ambedue legati all'Italia, per avere una delle più grandi comunità italiane il primo, per essere una delle mete di vacanza preferite dagli italiani il secondo. 
Quest'ultimo, spesso meta di appassionati di traversate cost to cost, oggi rese possibili da treni ecosostenibili, fil rouge che collega la Basilicata, regione antica, ecosostenibile, ricca di diversità ambientali, aree urbanizzate ed archeologiche; tanto ricca quanto sconosciuta

Nato a Roma nel 2008, il Festival della Letteratura di Viaggio giunge quest’anno alla sua sesta edizione. Quattro giorni, dal 26 al 29 settembre, dedicati al racconto del mondo attraverso diverse forme di narrazione del viaggio, di luoghi e culture: dalla letteratura propriamente detta alla geografia, dalla fotografia al giornalismo, dalla musica al fumetto. 

Promosso dalla Società Geografica Italiana, in collaborazione con Federculture, il Festival della Letteratura di Viaggio si svolge principalmente a Palazzo delle Esposizioni, che ospita ogni anno la mostra principale della manifestazione, e nei Giardini e nel Palazzetto Mattei di Villa Celimontana, sede della Società Geografica Italiana, che per tre giorni si trasforma in una sorta di “casa del viaggio”, accogliendo la maggior parte degli eventi previsti. La direzione artistica è, come di consueto, di Stefano Malatesta, direttore scientifico, e di Antonio Politano, curatore del programma. A condurre gli incontri anche quest’anno la giornalista Giovanna Zucconi.

Numerosi come sempre gli appuntamenti e gli incontri con gli autori, viaggiatori e narratori a diverso titolo. Tra gli ospiti si segnalano Paolo Rumiz, Ferdinando Scianna, Francesco Cataluccio, Beppe Severgnini, Remo Bodei, Franco La Cecla, Federico Rampini, Sandro Veronesi, Raffaele La Capria, Salvatore Settis, Alberto Asor Rosa, Folco Quilici, Lidia Ravera, Syusy Blady, Giuseppe Cederna, Gianni Biondillo, Davide Rondoni, Paola Caridi, Paolo di Paolo, Riccardo De Gennaro e molti altri ancora. 

Il 24 settembre il Campidoglio ospita la 2° edizione del Premio intitolato a Ryszard Kapuściński per il reportage, che ha rappresentato uno degli elementi caratterizzanti del programma della scorsa edizione ed è realizzato anche quest’anno in collaborazione con la Famiglia Kapuściński, Feltrinelli Editore e l’Istituto Polacco di Roma. 

Nella suggestiva location dell’Ambasciata del Brasile a Piazza Navona si inaugura - in un’anteprima speciale il 25 settembre - la mostra “Brasile, antiche e nuove esplorazioni” con le fotografie d’epoca di Ermanno Stradelli, esploratore dell’Amazzonia alla fine dell’Ottocento, i materiali originali provenienti dagli archivi della Società Geografica Italiana e la proiezione delle foto contemporanee di Franco Lubrani e di sei filmati etnografici brasiliani; in occasione dell’inaugurazione della mostra, un convegno e un concerto vengono dedicati al Brasile, per poi riproporre un altro focus nel programma di Villa Celimontana, grazie alla collaborazione con l’Associazione di Amicizia Italia-Brasile, l’Universidade do Estado do Rio de Janeiro UERJ e l’Istituto Italiano di Cultura di San Paolo.

Al Palazzo delle Esposizioni si inaugura il 26 settembre la mostra “Go West! La frontiera, il viaggio, l’immaginario” con le rare immagini d’epoca di Timothy O’Sullivan sulla spedizione di George M. Wheeler in Colorado, Nevada, Arizona, New Mexico, Utah, California del 1871-1874; le immagini in bianco e nero, provenienti dagli archivi della Società Geografica Italiana, sono affiancate al reportage fotografico di Antonio Politano coast to coast attraverso gli Stati Uniti di oggi e alle strisce e tavole di Tex Willer, l’eroe del fumetto creato nel dopoguerra da Gian Luigi Bonelli, per gli italiani forse il vero mito del Far West americano. In collaborazione con Brand USA, Sergio Bonelli Editore, Nikon, Epson e Nova Skola.

Torna il consueto Laboratorio di scrittura e fotografia in viaggio, articolato in più incontri, che vede la partecipazione di numerosi giornalisti e photoeditor di importanti testate italiane. Dal 27 al 29 settembre, presso il Portico di Palazzetto Mattei, sono allestiti come sempre uno Spazio Libri e un Caffè Letterario, dove incontrare ospiti e protagonisti degli appuntamenti, sfogliare libri, riviste, materiali a tema.

Ritorna anche il Premio Società Geografica Italiana La Navicella d’Oro, che viene consegnato dalla prima edizione del Festival ad autori che hanno declinato nelle loro opere il tema del viaggio o ad associazioni che si sono distinte per il loro impegno a difesa di luoghi e culture: Folco Quilici nel 2008, Bernardo Bertolucci nel 2009, Gabriele Salvatores nel 2010, Fulco Pratesi del WWF e Giulia Maria Mozzoni Crespi del FAI nel 2011, Giuseppe Tornatore nel 2012. Quest’anno il Premio viene ritirato dal Maestro Ennio Morricone.

Domenica 29 settembre, dopo la consegna del Premio La Navicella d’Oro al Maestro Ennio Morricone, Vinicio Capossela chiuderà la manifestazione con il reading musicale “Tefteri, il libro dei conti in sospeso”.

INFORMAZIONI

Sito: www.festivaletteraturadiviaggio.itwww.festivaletteraturadiviaggio.it
0