Post in evidenza

Italia: mappa cammini slow in vista del 2019, anno nazionale del turismo lento


L'Italia offre chilometri di strade da percorrere a piedi, per un pellegrinaggio spirituale, un percorso naturalistico o un itinerario storico, comunque emozionali ed emozionanti.
Una rete perfetta per accogliere i sempre più numerosi ViVer viaggiatori verdi (green), che possono scegliere il loro percorso sul nuovo atlante digitale Cammini d'Italia, promosso dal Mibact in vista del 2019, anno nazionale del turismo lento.

1.300 chilometri di lunghezza, un massimo di 600 chilometri di larghezza e centinaia di percorsi possibili, in un Paese, l'Italia, sempre più da visitare camminando.
I cammini italiani sono un grande patrimonio culturale, storico e religioso, da valorizzare e promuovere turisticamente sempre più; e sempre più sono i viaggiatori pronti a partire zaino in spalla. 
La domanda di viaggi verdi, eco-compatibili, cresce del 9% l’anno, secondo l’osservatorio della Borsa Italiana del Turismo, mentre, secondo la Fondazione Univerde, il 16% degli italiani pratica solo turismo sostenibile.

Il World Tourism Organisation (UNWTO) delle Nazioni Unite, ha dichiarato il 2017 anno internazionale del turismo sostenibile per lo sviluppo; mentre il 2019 per l'Italia sarà l’anno nazionale del turismo lento, dopo il 2016 anno dei Cammini e il 2017 quello dei Borghi,  .

La maggior parte dei cammini d’Italia continua ad essere percorribile in quanto passati da percorsi per cristiani in viaggio per Roma, o dei Santi, ad itinerari per turisti. 
A questo si aggiungano i tanti investimenti fatti negli ultimi anni, per aumentare numero e migliorare le strutture ricettive.

Alla notissima via Francigena si sono aggiunti svariati altri percorsi dedicati al cammino, al pellegrinaggio e alla mobilità sostenibile: i 100 chilometri del Cammino dei Protomartiri Francescani, l'Alta Via dei Monti Liguri, il cammino di Dante Alighieri, il Sentiero della Pace, che ripercorre le vicende della Prima Guerra Mondiale. 
Percorsi con secoli e storia alle spalle, vie che attraversano i luoghi più remoti delle regioni italiane, luoghi che hanno reso grande la letteratura italiana,  immersi nella natura di Alpi e Appennini, sentieri che si addentrano nei Parchi naturali della nostra Italia.

Un’intera rete di itinerari da percorrere a piedi, mappata ufficialmente con l’atlante digitale camminiditalia.it, il progetto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali ideato ed appena immesso nella rete internet per l’anno nazionale dei Cammini. Nella nostra gallery, ecco tutti i principali percorsi (da Nord a Sud, isole comprese, con chilometraggio, dettagli e siti di riferimento) da conquistare, passo dopo passo.

CAMMINI

Valle d’Aosta

Da Cogne alle Cascate di Lillaz

Un itinerario di 1 h 30 min (il percorso turistico è lungo 4 Km, con un dislivello di 205 metri) che porta dal centro del paese di Cogne, in direzione di Lillaz per ammirare le cascate e il torrente Urtier. (vai al sito)

Cascate di Liliaz

Piemonte

L’anello del Sacro Monte di Orta

Tra meravigliosi scorci sul Lago d’Orta, è possibile fare un itinerario di 2 ore, con partenza da Orta San Giulio, dove in piazza Mario Motta si può imboccare la salita al Sacro Monte. 
Un percorso panoramico e spirituale, che vi porterà alla scoperta delle venti cappelle che raccontano la vita di San Francesco D’Assisi. (vedi sito)


Sacro Monte di Orta

La Sacra di San Michele

IL modo migliore e più suggestivo per raggiungere la Sacra di San Michele, monumento simbolo della Val Susa, è sicuramente fare a piedi il percorso che dura all’incirca 1 h 30 min. (vedi sito)


Sacra di San Michele

Tra le panchine giganti

Le panchine giganti tra i vigneti, firmate da Chris Bangle, sono ormai diventate un simbolo dell’Alta Langa, e hanno dato vita al Big Bench Community Project, un progetto per sostenere le comunità locali, il turismo e le eccellenze artigiane. Un itinerario numerato di pochi chilometri attraverso i vigneti, molto piacevole da percorrere a piedi, vi porterà alla scoperta delle prime quattro panchine colorate del progetto, partendo da Clavesana. (vedi sito)


Il sentiero dei castagni

Un itinerario di poco più di 7 Km alla scoperta della bellezza del Lago Maggiore, partendo dal centro di Stresa. 
2 h 30 min circa di cammino di bassa difficoltà, che porta a visitare alcuni scorci stupendi della zona, passando per il “Sentiero dei castagni” (con i suoi pannelli informativi che accompagnano il percorso) e costeggiando il retro del Parco di Villa Pallavicino. (vai al sito)

Lago Maggiore

Lombardia

Cammino di Sant’Antonio

21 tappe in tutto per 3 varianti del percorso (388 Km totali) che collega Padova a La Verna e che deve il suo nome al fatto di ripercorrere alcuni dei luoghi più importanti della vita di Sant’Antonio da Padova. 
Un cammino di grande ispirazione religiosa e filosofica, dunque, che porterà i visitatori in luoghi simbolo come l’Eremo di Montepaolo, dove il Santo fu in ritiro spirituale, o il Santuario della Verna, o ancora la Basilica dove fu sepolto. 
Presso il negozio dei Santuari Antoniani di Camposampiero si può anche comprare la maglietta – souvenir del cammino. (vai al sito)

Eremo di Montpaolo a Dovadola

Luoghi e Vie della Fede

Come si evince dal nome, questo cammino che da Lecco porta nei territori del Lago di Como ha un grande significato religioso. 
Il percorso fa parte di un progetto di riqualificazione del territorio, coordinato dall’Amministrazione provinciale di lecco, e può essere totalmente autogestito, non avendo un preciso punto di partenza né di arrivo. (vai al sito)


Adda da Airuno

Via Priula

Un itinerario di 140 km (con tre possibili varianti) alla scoperta del territorio prealpino lombardo. 
La Via Priula deve il suo nome al fatto che ripercorre l’antica strada commerciale realizzata nel 1593 dal Podestà veneto di Bergamo, Alvise Priuli. 
La partenza è a Bergamo, in piazza Brembana, mentre l’arrivo è in Val Bregaglia, al confine con la Svizzera. (vai al sito)


Via Spluga

Un viaggio di 65 Km all’interno delle culture delle Alpi Centrali, con 5 tappe europee e 3 italiane che collegano Thusis a Chiavenna, passando per la gola della Viamala fino a Splügen e raggiungendo poi il Passo dello Spluga, che costituisce il punto più alto del cammino (2.115 metri). 
La conclusione è poi in discesa attraverso la Val San Giacomo. (vedi sito)



Greenway

Lungo il Lago di Como c’è la Greenway, un percorso che si snoda per oltre 10 km attraverso i comuni di Colonno, Sala Comacina, Ossuccio, Lenno, Mezzegra, Tremezzo e Griante. (vai al sito)



Trentino

Sentiero della Pace

È lungo 520 km il percorso lungo i luoghi storici che conservano la memoria della Prima Guerra Mondiale
Un modo per ripercorrere una parte di storia fondamentale e per omaggiare i moltissimi morti della Grande Guerra. 
Dal Passo del Tonale, a quota 1883 m.s.l. alla Marmolada, la regina delle Dolomiti, le ventotto tappe di questo cammino si trovano in montagna. Richiedono quindi una certa esperienza, molto tempo a disposizione ed è preferibile affrontarle in estate. (vai al sito)


Via Vigilius

Gli amanti della montagna troveranno pane per i loro denti con questo cammino di 110 Km lungo la Val di Non, dalla Valle dell’Adige fino alle Dolomiti del Brenta
Il sentiero di San Vigilio o San Vili è stato ideato dalla Commissione tutela ambiente montano della Sat (Società degli alpinisti tridentini); si parte dal Monte S. Vigilio e, ricalcando il tragitto che fece il Santo, vescovo di Trento, l’antica via romana fatta da Vigilio nel 400 d.c. nella sua opera di evangelizzazione si arriva in 8 tappe proprio al capoluogo del Trentino.  Il percorso è divisibile in due tratte: il San Vili Basso, più facile e con meno dislivelli, e il San Vili Alto. (vai al sito)

via vigilius montesanvi

Via Alpina

Un percorso complesso, che si divide in 5 diversi itinerari (per un totale complessivo di ben 5.000 Km e 342 tappe) e attraverso 8 Paesi: Slovenia, Austria, Italia, Germania, Liechtenstein, Svizzera, Francia e Principato di Monaco. 
Il tutto, come esplicita il nome, alla scoperta del territorio alpino con il suo patrimonio di flora e fauna.
I 5 itinerari, contrassegnati da colori differenti, nonostante la montagna, non presentano particolari difficoltà tecniche e sono accessibili dagli escursionisti di qualsiasi livello (meglio se in estate). (vai al sito)


Sentiero del Dürer

Questo cammino di lungo i boschi e le vallate di Bolzano e di Trento, ricalca, come si intuisce dal nome, i luoghi percorsi dal pittore tedesco Albrecht Dürer durante il suo primo viaggio in Italia, nel 1494
In quei tempi l’Adige era privo di argini e soggetto a continue inondazioni, e ciò costringeva i viaggiatori come Dürer a prendere vie alternative. 
39 Km di percorso divisibile in 8 tappe, dal Klösterle di San Floriano alle Piramidi di Segonzano, curioso e unico fenomeno naturale. (vai al sito)


Alpiedi - Ledro Alps Trek

Un sentiero facile e percorribile tutto l’anno, lungo 101,8 Km e realizzabile circolarmente, con arrivo e partenza a Storo. 
Il percorso (della durata consigliata di 5 giorni) si snoda attraverso la natura delle Alpi Ledrensi, con un dislivello in salita di 5.600 metri. (vai al sito)


Via Claudia Augusta

La Via Claudia Augusta è un’antica strada romana che dalle pianure del Po portava fino al Danubio. 
Utilizzata dai soldati romani nel 15 a.c. per la conquista dei territori in Austria e Germania, oggi è un cammino escursionistico di 600 Km (700 percorrendoli in bici) che unisce tre diverse nazioni per un totale di 29 tappe in Europa e 19 in Italia
Un cammino culturale prima ancora che un percorso di trekking, alla scoperta di Paesi diversi. 
Arrivati a Trento il percorso si sdoppia in 2 varianti, la prima verso Altino (VE) e la seconda verso Ostiglia (MN). (vai al sito)


Valle di Ledro

Nella Valle di Ledro sono molte le passeggiate panoramiche di poca difficoltà, passeggiate da praticare anche con i bambini. 
Una di queste (2,5 Km da percorrere in tutta tranquillità, con circa 30 minuti di cammino) è quella che costeggia il Lago di Ledro, di fronte alle montagne che lo circondano. 
Un itinerario turistico che va da Mezzolago e termina al Museo delle Palafitte di Molina di Ledro, patrimonio Unesco, con i suoi circa 10.000 pali risalenti all’Età del Bronzo.

Museo delle Palafitte di Molina di Ledro

Friuli Venezia Giulia

Cammino delle Pievi in Carnia

Le 21 tappe che percorrono i 280 Km di cammino da Imponzo di Tolmezzo a Zuglio rappresentano un percorso di grande interesse naturalistico attraverso la montagna friulana. 
Un viaggio attraverso i piccoli paesi della zona fino all’arrivo a Imponzo, frazione con poco più di trecento abitanti. (vai al sito)

pieve di san pietro

Cammino Celeste – Iter Aquileiense

Da Aquileia a Monte Lussari, c’è un percorso storico-culturale di 10 tappe, lungo 210 Km
Il logo di questo cammino, che unisce diverse vie di pellegrinaggio partendo dalla Basilica di Santa Maria Assunta ad Aquileia, è il pesce, antico simbolo protocristiano. 
È anche possibile aggiungere un prologo al percorso, partendo dall’isola di Barbana, sull’estremità orientale della laguna di Grado, sede di un antico santuario mariano. (vai al sito)


Veneto

Via Panoramica di Malcesine

Un itinerario panoramico molto semplice, su strada asfaltata, per ammirare tutta la bellezza delle sponde del Lago di Garda. 
11 Km di percorso, con 380 metri di dislivello, dalla stazione di Malcesine, in salita verso il Passo Campiano e poi in discesa tornando verso il punto di partenza. 
Molto amato anche dai ciclisti. (vai al sito)


Liguria

Sentiero Liguria

Il modo migliore per godere della bellezza di una regione di cui spesso si conosce solo la parte legata alla vita da spiaggia, è questo cammino lungo 457 Km, ma con le varianti si possono aggiungere altri 200 Km di percorso. 
La natura ligure, tra scogliere, uliveti e paesini di grande tradizione si mostra splendidamente in queste 31 tappe. (vai al sito)


Alta Via dei Monti Liguri

Questo cammino diviso in 43 tappe lungo 440 Km totali di percorso; collega Ventimiglia a Ceparana attraverso sentieri che percorrono l’arco montuoso della Liguria. 
Strade incredibilmente panoramiche che permettono di ammirare contemporaneamente l’entroterra ligure e il mare all’orizzonte. 
Un cammino molto suggestivo anche se non facilissimo, che i più allenati possono provare a percorrere anche in bici. (vai al sito)


A piedi per le Cinque Terre

Nel Parco Nazionale delle Cinque Terre si trovano oltre 120 Km di sentieri che uniscono un paese all’altro e che regalano scorci unici sulle scogliere di questa zona di rinomata bellezza. 
All’interno di questi sentieri, è possibile studiare diversi itinerari personalizzati, scegliendoli in base alla lunghezza o ai diversi temi (ad esempio, alla scoperta dei vigneti terrazzati, o dei santuari e delle chiese della zona). (vai al sito)


Emilia Romagna - Toscana

Via Romea Nonantolana

Da Nonantola, in provincia di Modena, parte un cammino lungo le strade medievali che un tempo portavano a Roma, le vie Romee.
Il cammino si snoda lungo 2 distinti percorsi
Quello occidentale è lungo 110 km ed è diviso in 6 tappe; (vai al sito Romea occidentale)
quello orientale è lungo 93 km per 4 tappe. (vai al sito Romea orientale)
Esiste anche un percorso da fare a cavallo, lungo 70 km, con partenza a Levizzano Rangone. 


Via degli Dei

120 Km tra Bologna e Firenze, sulle tracce di un’antica via che pare fosse già utilizzata nel VII secolo a.c.. 
Pertanto si tratta di un percorso di grande valore storico, lungo beni archeologici come l’acquedotto romano di Sasso Marconi, l’area protetta del Contrafforte Pliocenico, ricca di fossili, o il teatro romano e l’acropoli di Fiesole. 
Il nome del cammino deriva dalle numerose località che richiamano gli dei della mitologia (ad esempio il Monte Giove o il Monte Venere) che si incontrano lungo le 5 tappe di percorso. che si può percorrere anche in bicicletta. (vai al sito)


Cammino di San Vicino

Un cammino circolare, inaugurato nel 2008 con partenza e arrivo a Sarsina, sull’Appennino tosco-romagnolo. 
Dalla Basilica di San Vicinio, consacrata al primo vescovo di Sarsina, si percorrono 14 tappe per un totale di 280 km lungo la Valle del Savio, la Valle del Rubicone e il Montefeltro. (vai al sito)


Cammino di San Francesco da Rimini a La Verna

Un percorso di 113 km inaugurato nel 2013 in occasione dell’ottocentesimo anniversario del passaggio di San Francesco in Valmarecchialungo, che collega i luoghi importanti per la nascita dell’Ordine francescano. Le 5 tappe del Cammino lungo il fiume Marecchia, infatti, ripercorrono quelle attraversate da San Francesco nel suo viaggio del 1213. (vai sul sito)

Sant’Agata Feltria

Via degli Abati

190 Km tra Pavia e Pontremoli, lungo l’Appennino Tosco-Emiliano passando per l’Abbazia di Bobbio, dove un tempo i pellegrini passavano per venerare le spoglie di San Colombano, abate irlandese, padre con San Benedetto del monachesimo europeo. 
Da Pontremoli poi è possibile proseguire lungo la via Francigena fino a Lucca o a Roma. (vai al sito)


Cammino di Dante

Un percorso di ben 20 tappe ad anello, con partenza e arrivo a Ravenna, attraverso la Romagna e il Casentino, lungo i luoghi dove visse in esilio Dante e dove scrisse la Divina Commedia. 
Un cammino abbastanza lungo - 380 km totali - con una variante che aggiunge le tappe di Marradi, Eremo dei Toschi e prosegue fino a San Godenzo. (vai al sito)


È veramente impegnativo questo cammino lungo ben 1.300 Km
Un percorso che taglia trasversalmente la Pianura Padana e riunisce alcuni tratti dell’antico sistema viario fino a ricongiungersi, in Toscana a Fucecchio, alla via Francigena. 
Ovviamente, le 49 tappe di questo cammino richiedono parecchio tempo nonché un’adeguata preparazione, ma possono essere scomposte in 11 diverse tratte: Romea Allemagna - Romea Iulia Augusta - Romea Aquileiense - Romea Annia - Romea Nonantolana-Longobarda - Romea Brennero - Romea Vicetia - Romea Postumia - Romea Porciliana - Romea del Santo - le Vie Collegate. (vai al sito)

Romea Strata - Colli Berici

Via Romea Germanica

Questo cammino unisce in 987 Km l’Austria, la Germania e l’Italia, giungendo fino a Roma. 
Le 94 tappe in centro Europa e le 46 in Italia rappresentano alcuni luoghi simbolo della cristianità e collegano un percorso di antica tradizione, di cui si ha traccia già negli Annali dell’Abbazia di Stade del 1236. (vai al sito)


Foreste Casentinesi

Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi ha pubblicato la guida “A piedi nel parco”, con oltre 50 percorsi per gli escursionisti. 
Un itinerario un po’ diverso dal solito è ad esempio il “Sentiero delle Foreste sacre”, lungo poco più di 90 Km da percorrere in 7 giorni attraverso 7 tappe, da Lago di Ponte di Tredozio a La Verna. (vai al sito)


Marche - Umbria

Cammino Francescano della Marca

Questo percorso di 167 Km collega in 9 tappe le città di Assisi e di Ascoli Piceno, sviluppandosi lungo una delle vie che San Francesco utilizzò per le sue predicazioni nelle Marche meridionali. 
Ancora una volta, San Francesco segna un percorso di grande spiritualità e significati storici, percorribile per alcuni tratti anche a cavallo, godendosi a pieno la natura dell’Appennino Umbro Marchigiano e del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. (vai al sito del Cammino)

cammino san francesco- Ponte romanico sortto Amandola

Cammino di Francesco

A unire le 22 tappe di questo cammino sono i 4 santuari fondati da San Francesco nella Valle Santa Reatina. 
Greccio, La Foresta, Poggio Bustone e Fonte Colombo sono dunque i luoghi fondamentali lungo i quali si snoda un percorso di 500 Km: in ognuno di questi santuari potrete ritirare un Passaporto che testimonierà l’effettivo arrivo nelle tappe chiave del cammino. (vai al sito)

Convento di Greccio

Cammino di Assisi

Un cammino di ispirazione religiosa, che unisce alcuni itinerari dei pellegrinaggi incentrati sulle figure di Sant’Antonio e San Francesco facendone un unico percorso di 285 km che va da Dovadola, vicino a Forlì, ad Assisi. 
13 tappe tra Emila Romagna, Toscana e Umbria che porteranno i camminatori nei luoghi dove vissero i due Santi. (vai al sito)


Via di Francesco

Ancora un cammino legato alla figura di San Francesco. 
500 Km divisi in 22 tappe e con 2 possibili varianti di un percorso che ha come scopo il raggiungimento di Assisi partendo da La Verna a Nord o da Roma a Sud. È un percorso molto praticato dai pellegrini, che ripercorrono in questo cammino la vita del Santo, ottenendo anche una “credenziale” che ne attesta l’effettivo passaggio. (vai al sito)

Spoleto

Cammino dei Protomartiri Francescani

Un percorso storico religioso di bassa difficoltà, lungo 101 km da Terni ad Amelia passando per Narni e per tutti i comuni da cui provenivano i Protomartiri, ovvero i primi cristiani martirizzati. 
Punto centrale di questo percorso è il Santuario della Chiesa di Sant’Antonio da Padova, dove sono conservate le spoglie di cinque santi protomartiri dell’Ordine francescano: Berardo, Ottone, Accursio, Adiuto e Pietro. (vai al sito)

Eremo di Cesi

Chemin d’Assise

Ancora San Francesco, ancora Assisi, questa volta partendo dalla Francia, da Vézelay, in Borgogna, e attraversando un buon tratto d’Italia. 
Delle 73 tappe in Europa, a cui si aggiungono le 43 italiane, imperdibile è Cluny con la sua maestosa abbazia. (vai al sito)



Via Lauretana Assisi-Loreto

Un percorso di circa 150 km con 4 diverse varianti, molto frequentato nonostante i problemi prodotti dal terremoto che ha colpito una parte dei territori attraversati. 
Da Assisi a Loreto, questo cammino anticamente attraversava tutto lo Stato Pontificio. (vai al sito)

Loreto

Cammino di Benedetto

Da Norcia a Montecassino, il Cammino di Benedetto è un percorso dal grande significato storico e religioso, lungo la vita di San Benedetto, dal luogo dove visse in ritiro percorrendo circa 300 km in 16 tappe tra Umbria e Lazio. 
È possibile anche fare un tratto del percorso in canoa sul Lago del Turano e sul Fiume Aniene. (vai al sito)


Passeggiate per i Monti Sibillini

Il Parco Nazionale dei Monti Sibillini propone numerosissimi itinerari di grande bellezza, alcuni dei quali, partendo dai paesi, sono anche l’occasione per rendere omaggio ai centri colpiti dal sisma del 2016. (vai al sito)

Piana di Castelluccio

Toscana

Di qui passò Francesco

Toscana, Umbria e Lazio fanno da sfondo ai quasi 380 km di questo cammino che, ancora una volta, ricalca la vita di San Francesco d’Assisi. 
Da La Verna a Poggio Bustone, il cammino di San Francesco può poi proseguire fino a 900 km, giungendo a Monte Sant’Angelo, in Puglia. (vai al sito)

Convento di Poggio Bustone

The Way of St. Francis

Un cammino di circa 500 km, perfetto per essere percorso anche in bicicletta con partenza da Sant’Ellero, vicino Firenze, e arrivo a Sabina, nell’alto Lazio. Centrali all’interno del percorso sono i luoghi simbolo della vita di San Francesco, come il meraviglioso Santuario della Verna, sull’Appennino toscano o il Convento di Montecasale. (vai al sito)

Convento di Montecasale

Passeggiate nel Chianti

Tra filari di vite, boschi, oliveti e paesi dal fascino dei tempi che furono, il Chianti si presta perfettamente alle escursioni a piedi. 
Diversi sono i possibili sentieri, come quello che da Barberino porta a Ponte Nuovo, lungo circa 7,6 km. (vai al sito)


L’Anello del Rinascimento

Un itinerario panoramico e paesaggistico di grande suggestione, lungo in totale 170 km, tempo di percorrenza previsto è di circa 7 ore, che porta lungo le vie che circondano la città di Firenze. (vai al sito)

Firenze

Strade del Vino

Nelle colline toscane esistono degli itinerari pensati appositamente per gli amanti del vino: tra i paesaggi dei vigneti, il bello di questo cammino è sostare di tanto in tanto nelle aziende vitivinicole locali. (vai al sito)


Lazio

Via Amerina - Cammino della Luce

220 km ricchi di storia, lungo l’antica strada asse portante Via Romea del Corridoio Bizantino o Cammino della Luce
11 tappe comprese fra Perugia e Roma, in grande parte lungo le sponde del fiume Tevere. 
Arrivati ad Amelia il percorso viene denominato  Via Amerina di cui vanno distinte due parti: la prima inizia dalla mansio ad Vacanas e giunge ad Ameria (Amelia), la seconda parte da Ameria e prosegue per Todi, Perugia, Gubbio, Luceoli; la prima era sicuramente basolata, la seconda probabilmente no. Quindi la prima parte è sicuramente individuabile per quasi tutto il suo tracciato, perché vari tratti di basolato emergono perfettamente conservati, utilizzati talvolta ancora come strade inter-poderali.
La via Amerina è, in sintesi, una strada romana che attraversa il territorio falisco, conservando l'eco profonda dell'età medievale e della tradizione cristiana.
Il percorso, ancora identificabile, è segnato dalle città (Nepi, Falerii Novi) e dalle località prossime (Castel S. Elia, Civita Castellana, Fabrica di Roma, Corchiano, Gallese, Vasanello, Orte); altri centri si offrono come punti di riferimento per interessanti diversioni (Faleria, Calcata).

Articoli pubblicati su Penisolabella a proposito della Via Amerina:

Orte: http://penisolabella.blogspot.com/2009/09/lazio-via-amerina-orte-vt.html

Nepi: http://penisolabella.blogspot.com/2009/07/lazio-via-amerina-nepi-corte-dei-borgia.html

Fabbrica di Roma: http://penisolabella.blogspot.com/2009/09/lungo-lamerina-fabbrica-di-roma-vt.html

Corchiano: http://penisolabella.blogspot.com/2011/07/lungo-lamerina-corchiano-vt.html

Gallese: http://penisolabella.blogspot.com/2009/07/lazio-via-amerina-gallese-vt.html


Tagliata Cavo degli Zucchi: http://penisolabella.blogspot.com/2009/05/lazio-via-amerina-tagliata-cavo-degli.html 


Vie del Giubileo

20 percorsi per un totale di 354 tappe che compongono itinerari turistici e storici lungo le bellezze di Roma, attraversando 20 luoghi che sono definiti “speciali” per la città. 
Un modo diverso per visitare la nostra capitale, seguendo le mappe interattive presenti sul sito di riferimento del cammino. (vai al sito)

Appia Antica - Villa dei Quintili

Parco Regionale dei Castelli Romani

Nel Parco Regionale dei Castelli Romani esiste una fitta rete di sentieri, tra i quali, ad esempio, quello che porta all’area del Tempio di Diana passando lungo le rive del lago. (vai al sito)


Abruzzo

Viaggio nella Storia D’Abruzzo

Un unico percorso, lungo in totale 330 km, che però può essere suddiviso in 5 diversi itinerari, da un minimo di 15 km ad un massimo di 150 km di cammino. L’itinerario principale percorre parte della Valle Peligna, dell’Aterno e del Tirino, portando i camminatori alla scoperta di un ricco patrimonio archeologico e monumentale, ma anche di un natura incontaminata, con territori come quella del Parco Regionale Naturale Sirente-Velino, del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e del Parco Nazionale della Majella. (vai al sito)



Valle dell’Orfento

Un itinerario per famiglie lungo 1,7 km da percorrere immersi nel Parco Nazionale della Majella, con partenza da Caramanico Terme, passando lungo i gradini intagliati nella roccia che portano a una vasta cavità sotto roccia che un tempo ospitava l’eremo di S. Cataldo. (vai a Sentiero per famiglie n. 02: le "Scalelle" valle dell'Orfento

Eremo di San Cataldo

Vie della transumanza

Le vie tradizionalmente utilizzate dai pastori per pascolare il bestiame sono oggi al centro di una riscoperta culturale, che prevede anche interessanti itinerari da percorrere a piedi. (vai al sito)


Campania

Il Sentiero degli Dei

Lungo la bellissima Costiera Amalfitana, questo sentiero panoramico che percorre i Monti Lattari parte da Agerola, a 650 metri sul livello del mare, per poi proseguire attraverso l’antico tracciato dei coloni ellenici una volta dominato da templi, fino ad arrivare a Positano. 
Lungo circa 10 km, deve il suo nome al fatto di essere, secondo la leggenda, il sentiero che percorsero gli Dei per salvare Ulisse dalle sirene. (vai al sito)


Basilicata/Calabria

Cammino di San Francesco di Paola

Per ricalcare i passi del Santo di Paola è possibile percorrere questo cammino, composto in realtà da due diversi itinerari. 
Da un lato la via del Giovane, 49 km, 3 tappe, che collega i due luoghi più importanti della giovinezza di Francesco: San Marco Argentano, dove si ritirò per un anno, e Paola
Dall’altro la via dell’Eremita 62 km3 tappe, che unisce i Santuari di Paterno Calabro e di Paola, luoghi in cui Francesco si ritirò insieme ai suoi seguaci. (vai al sito)

Santuario di San Francesco di Paola

Sentiero del Brigante

Il Sentiero del Brigante porta da Gambarie, località montana del comune di Santo Stefano in Aspromonte, in provincia di Reggio Calabria a Stilo, uno dei borghi più belli d’Italia. 
120 km di itinerario montano, con tratti percorribili anche in bicicletta o a cavallo, in un cammino nato negli anni '80 e '90 per opera del Gruppo Escursionisti d’Aspromonte (GEA). (vai al sito)


Cattolica di Stilo

Parco del Pollino

Il Parco Nazionale del Pollino è perfetto per chi vuole fare trekking in mezzo a una natura incontaminata, selvaggia e di una suggestione unica. Nel Parco sono consigliati una serie di percorsi di diversa difficoltà: per esempio, si può partire da Fosso Jannace e raggiungere il Santuario della Madonna del Pollino, attraverso un sentiero che si snoda lungo il torrente, in un cammino di circa 3 ore. (vai al sito)


Sardegna

Cammino Minerario di Santa Barbara

Un cammino di 24 tappe tra mare, monti e miniere, all’interno del Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna nel Sulcis-Iglesiente-Guspinese, riconosciuto patrimonio UNESCO. 
Il percorso è un anello di circa 388 km (407 km con le varianti) con arrivo e partenza a Iglesias. 
Tutto il cammino ruota intorno agli antichi percorsi dei minatori: dai sentieri che li portavano nei luoghi di lavoro, alle vecchie mulattiere per il trasporto dei minerali. (vai al sito)


Alla scoperta delle Tombe di Matzanni

Oltre a un mare meraviglioso, la Sardegna vanta anche una grande quantità di interessantissimi siti archeologici. 
Uno di questi sono le Tombe di Matzanni, che possono essere visitate attraverso un itinerario escursionistico di circa 4 km. (vai al sito)


Il Sentiero della Costa Sarda

La bellezza delle coste sarde è rinomata in tutto il mondo, e un modo unico per visitarle, e magari riuscire a raggiungere qualche tratto di spiaggia più remoto e sconosciuto, è proprio quello di percorrere un itinerario a piedi.
Il “sentiero della costa” porta dalla spiaggia di Porto Ferro al Promontorio di Porto Conte, in circa 5 ore di cammino panoramico, per un totale di 8,6 km di itinerario. (vai al sito)


Puglia

Lungo il Limitone dei Greci

Un percorso che si può fare a piedi in Puglia è quello lungo il Limitone, un lunghissimo muro simile ai muretti a secco delle campagne salentine che si trovava lungo l’asse viario che oggi unisce Taranto a Lecce
Oggi si possono ammirare circa 700 metri dei complessivi 150 km che lo formavano. (vai al sito)


Sicilia

Magna Via Francigena

Esiste anche una app per Android che vi guiderà lungo questo cammino siciliano che collega Palermo e Agrigento attraverso un percorso di 170 km lungo vie storiche che testimoniano i rapporti tra le due città già in epoca antica. (vai al sito)


Trekking del Santo - Cammino di S. Nicolò Politi

Fare trekking intorno all’Etna può essere davvero un’esperienza straordinaria, con paesaggi incredibili da ammirare. 
Il trekking del Santo è un percorso di 100 km (relativamente breve ma a tratto impegnativo) lungo sei tappe. 
Dal Parco dell’Etna al Parco dei Nebrodi, questo cammino ripercorre i passi di San Nicolò Politi. (vai al sito)


Il sentiero del Germoplasma

Tra i tantissimi suggestivi sentieri che si possono percorrere lungo le pendici dell’Etna, il sentiero del Germoplasma è stato pensato per essere fruibile a tutti, anche ai disabili
Un po’ più di 1 km di cammino (1.153 metri per la precisione), con una pendenza inferiore al 7%, da percorrere immersi nella natura del Parco dell’Etna. (vai al sito)


Riserva dello Zingaro

Un’incontaminata riserva naturale lungo il tratto di rocce calcaree dolomitiche nella parte occidentale del Golfo di Castellammare
Il luogo perfetto per un’escursione per chiunque ami il mare cristallino: i sentieri presentano numerose varianti, ma il cammino-base è quello che va dall’ingresso Sud della riserva, a Scopello, fino all’ingresso Nord di San Vito Lo Capo
7 km di cammino non troppo impegnativi, facendo attenzione al caldo e portando con sé le giuste scorte d’acqua. (vai al sito)

San Vito lo Capo

Via Appia

Un cammino “in progress”, la via Appia è in fase di definizione, e i fondi saranno per lo più utilizzati per individuare il tracciato esatto e realizzare opere che ne aumentino la fruibilità per i camminatori. (vai al sito)


Via Francigena

Aggiungi didascalia
Lungo oltre 1 km (1.043,9 metri), la via Francigena è probabilmente il cammino più conosciuto d’Europa. 
45 le tappe in Italia, più del doppio doppio in Europa (98), la via Francigena -che ha ha ottenuto il riconoscimento di Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa - attraversa Inghilterra, Francia, Svizzera per poi percorrere tutta l’Italia, arrivando fino a Roma (in particolare alla tomba di San Pietro), con partenza dalla Cattedrale di Canterbury. (vai al sito)


Via Francigena (parte Sud)

È uno dei cammini “in progress” che non hanno pienamente soddisfatto i criteri richiesti dall’Atlante dei Cammini d’Italia, ma che sono comunque stati inseriti, perché si spera che i miglioramenti siano rapidi. 
Per questo cammino, che dovrebbe collegare Roma a Brindisi, e per la via Appia sono in particolare stati stanziati investimenti per 20 milioni di euro.


Se l'articolo ti è piaciuto potresti sostenere la mia attività no profit offrendomi un contributo liberale a sostegno del mio lavoro facendo una donazione cliccando sul bottone sottostante

0