Post in evidenza

Sardegna: un portale online che assiste il turista durante la vacanza sull'isola


Portale Sardegna, una OTA (online travel agency) dedicata tutta alla Sardegna e fondata nel 2001, 30 dipendenti e lavora con 700 strutture ricettive su tutta l’isola, con una ambizione: diventare internazionali; infatti, al momento la clientela è quasi totalmente italiana, con il target orientato sul turismo familiare, soprattutto dal Nord Italia sebbene quasi la metà dei turisti della Sardegna arrivi dall’estero e voglia espandersi e intercettarli.

Il settore turismo, già storicamente fiore all’occhiello, è in ulteriore crescita negli ultimi anni, come del resto in tutto il Paese: il 2016 è stato un anno record con 2,9 milioni di arrivi e una permanenza media di 4,6 giorni, che ha generato 13 milioni e mezzo di presenze nelle strutture ricettive dell'Isola. Nei primi sei mesi del 2017, quindi esclusa l’estate, c’è stata un’ulteriore crescita del 10%, con aumento degli stranieri e boom a Pasqua. 

Portale Sardegna, che ha acquisito anche il sito sardegne.com e compete con un altro paio di web agency dedicate alla Sardegna, ha ottenuto ottimi risultati. Negli ultimi tre anni ha visto l'impegno allo sviluppo tecnologico con 1,6 milioni di euro di investimenti finalizzati a migliorare la fruibilità dei portali, anche in funzione dei dispositivi mobili.
Ne è risultato un portale che si presenta a partire dall'home page, essenziale, privo di fronzoli, forse un po' freddo, ma come recita il motto accanto al logo "La Sardegna proposta da chi la Sardegna la vive!" e questa è la filosofia che sottende all'offerta web che si apre andando subito al sodo, rispondendo alle necessità del potenziale cliente.
La prima cosa che si propone sono le offerte Vacanze, con la form per prenotazioni sulla sinistra e lo showreel delle offerte sulla sinistra.
Scendendo lungo la pagina, si trova una riga con chi la vive e la propone, umanizzata con 6 visi sorridenti e rassicuranti, presumibilmente dei consulenti di viaggio.

Le altre sezioni a cui si può accedere tramite la barra in alto, sono dedicate a Hotel, Villaggi, Appartamenti e Residence, Ville, Viaggi di Gruppo; due menù a discesa dedicati a Vacanze Tematiche: famiglia - Relax - Benessere - Giovani e Divertimento - Charme - Hotel Romantici per Vacanze di Coppia - Passioni Sportive - con gli Animali; e Destinazioni suddivise per aree della Sardegna.

Tra i punti di forza di Portale Sardegna, oltre alla fortissima specializzazione sul territorio, è un presidio web che punta a portare il market share dall’attuale 0,3% all’1,5% almeno: al momento ha 8.000 turisti l’anno che prenotano, ma gli utenti registrati sono 150.000 e i clic in target sono circa 2 milioni, dove con ‘in target’ si intende consapevoli, mirati all’effettivo utilizzo del servizio, anche se solo a scopo informativo. 

Ma la domanda è, come farà un sito relativamente piccolo a scalare un mercato cannibalizzato da Booking? O meglio, cosa offre Portale Sardegna di più o di meglio rispetto alle OTA più utilizzate? 
La risposta di Massimiliano Cossu, 44 anni, sardo doc, fondatore e CEO di Portale Sardegna, è la consulenza e gli sconti, oltre al travel advisory, con un call center sempre attivo che tiene vivo il contatto diretto col cliente, facendo non solo assistenza ma anche consulenza personalizzata. 
Inoltre, il cliente viene seguito da quando mette piede sull’isola, a quando se ne va, e può prenotare sia pacchetti che singoli servizi, dagli alloggi, ai trasporti, alle escursioni.

E’ proprio sui trasporti che Portale Sardegna offre le condizioni più interessanti: sulle compagnie marittime lo sconto può arrivare fino al 40%, mentre, in generale, su una spesa di circa € 6.000 può arrivare a offrire una riduzione di € 500
La prenotazione media è di target medio-alto, intorno a € 3.000, anche se per un pacchetto casa+viaggio per una famiglia tipica da 4 persone, per una settimana, il costo può scendere a € 1.300 grazie ad accordi con le strutture affiliate che, al momento, sono 700 sulle 4.700 dell’isola, ma che sono destinate a crescere. 
Intanto, a giudicare dalle recensioni in giro per la rete, il livello di soddisfazione dei clienti è molto alto (sul sito il voto medio è 8,9 su oltre 3.000 recensioni). (fonte Firstonline.info)

Se l'articolo ti è piaciuto potresti sostenere la mia attività no profit offrendomi un contributo liberale a sostegno del mio lavoro facendo una donazione cliccando sul bottone sottostante

0